Istituto di Istruzione Superiore G. Cardano
Diritti, libertà, democrazia: incontro con Valerio Onida (11/3/2019)

locandina Onida

Diritti, Libertà, Democrazia.

11 marzo, Auditorium IIS Cardano – Incontro con il prof. Valerio Onida (Ex Presidente della Corte Costituzionale, giudice, giurista e professore emerito di Diritto Costituzionale), sul tema “70 anni di Costituzione: fondamenti valoriali, dignità delle persone, tutela dei diritti”.  

Diritti, Libertà, Democrazia. Queste tre parole sono state pronunciate più volte in Auditorium stamane dal professor Onida e chi si aspettava solo una lezione di storia probabilmente è rimasto deluso. La conoscenza storica, come ha ricordato il professore, è la premessa per capire il passato e, quindi, saper vivere criticamente il presente, ma è necessario conoscere profondamente lo spirito delle azioni degli uomini che, in quegli anni, hanno fatto la Storia.

La nostra Costituzione, come è noto, è entrata in vigore il 1° gennaio 1948, ed è il risultato di un lungo lavoro congiunto di forze politiche ideologicamente distanti, ma accomunate da un chiaro intento: prendere le distanze dal passato recente e impedire che quel passato, sostanziato di autoritarismo e negazione di diritti e libertà, potesse ripetersi.

Diritti. Questo il primo movente importante dei nostri Costituenti: la salvaguardia dei diritti. Ed ecco perché, tra i principi fondamentali, l’art. 2 della nostra Carta recita:

La Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell’uomo, sia come singolo, sia nelle formazioni sociali ove si svolge la sua personalita`, e richiede l’adempimento dei doveri inderogabili di solidarieta` politica, economica e sociale .

A questo proposito, il professor Onida, ci ha proposto la lettura del primo articolo della Dichiarazione Sulla Razza votata dal Gran Consiglio del Fascismo il 6 Ottobre 1938, dove si parla di “necessità di una coscienza razziale” e di “miglioramento quantitativo e qualitativo della razza italiana, miglioramento che potrebbe essere gravemente compromesso, con conseguenze politiche incalcolabili, da incroci e imbastardimenti”. Quanta consapevole distanza i nostri Costituenti hanno voluto prendere da queste parole! In quella Dichiarazione, infatti, la logica conseguenza è la discriminazione di quanti non sono ritenuti appartenenti alla “razza italiana” e, come è noto, in particolar modo (ma non solo) dei cittadini di “razza ebraica”; la logica conseguenza dell’articolo sopracitato della nostra Costituzione è, invece, la tutela da parte dello Stato dei diritti inviolabili dell’uomo, di tutti gli uomini.

Ma non è tutto. I diritti, come ha sostenuto il professore, non sono mai un punto di partenza, ma un punto di arrivo. E di questo i Costituenti sono perfettamente consapevoli, quando scrivono, nell’art.3 della Costituzione:

Art. 3 Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali.

E` compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la liberta` e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese.

Rimuovere gli ostacoli: questo è il compito dello Stato per permettere all’uomo, a tutti gli uomini che sono eguali davanti alla legge, di giungere al pieno sviluppo della persona umana. Un concetto interessante, questo: lo Stato come garante della libertà dei cittadini. In quest’ottica, le leggi diventano uno strumento facilitatore, un mezzo per permettere a tutti di realizzare se stessi come individui e di partecipare alla vita della collettività. E’ evidente, quindi, che la nostra Costituzione assimila diritti e libertà: a questo proposito, il professor Onida ha citato il discorso delle Quattro libertà del presidente americano F.D. Roosevelt, ricordando che le libertà in questione (di espressione, religiosa, dal bisogno e dalla paura) non possono esistere separatamente: nessuna di queste “libertà” vive di vita propria o può prevaricare sulle altre; dove manca una, vengono meno tutte.

E qui compare l’ultima parola importante che il professore ha voluto commentare: democrazia o, per citare le sue esatte parole, sovranità popolare. Leggiamo l’art. 1 della nostra Costituzione:

L’Italia e` una Repubblica democratica, fondata sul lavoro.

La sovranita` appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione.

La sovranità, ci dice la nostra Costituzione, appartiene al popolo, che non è più concepito come un insieme di sudditi, ma di cittadini, che partecipano alla vita politica ed esercitano il potere nelle forme e nei limiti della Costituzione. La sovranità del popolo non è assoluta, ma regolata. La nostra Costituzione e le nostre leggi non cedono il potere a una maggioranza di cittadini, ma si preoccupano che la maggioranza eserciti questo potere nel rispetto di tutta la collettività, valutando le necessità e difendendo i diritti di tutti, anche quelli della minoranza. I diritti, ancora una volta, si affacciano come protagonisti assoluti del dettato costituzionale.

E’ stato un incontro importante, quello con il professor Onida, soprattutto per i nostri studenti, che si apprestano a diventare cittadini attivi attraverso il diritto di voto. E lo vogliamo ringraziare per averci fatto conoscere e apprezzare, soprattutto in un momento in cui il cammino sembra sempre più confuso , un compagno di viaggio prezioso: la Costituzione della nostra Repubblica.


Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.