Istituto di Istruzione Superiore G. Cardano
Il Giardino dei Giusti

Un albero per ogni uomo che ha scelto il bene”

Condividiamo alcune riflessioni degli studenti della 3 A Liceo Sportivo sulla visita guidata del 22/1 al Giardino dei Giusti di tutto il mondo, creato nel 2003, dal Comune di Milano e l’Associazione Gariwo, al Parco Monte Stella. Ogni anno nel Giardino sono stati piantati nuovi alberi, per onorare gli uomini e le donne che hanno aiutato le vittime di persecuzioni, difeso i diritti umani ovunque fossero calpestati, salvaguardato la dignitá dell’uomo. Oggi lo spazio per nuovi alberi è esaurito ed i cippi per i nuovi giusti sono sostituiti da targhe.

 

  • Alessandro: ”La guida ci ha detto che è stato scelto il Monte Stella per il Giardino dei Giusti perché è un luogo simbolico, metaforico, perché è stato costruito con le macerie della seconda guerra mondiale, espressione di rinascita della cittá dopo le distruzioni e le ingiustizie della guerra.”

  • Alice: ”Visitando il Giardino ho pensato che ciascuno di noi puó compiere dei gesti, anche piccoli, di altruismo verso gli altri, invece di voltarsi dall’altra parte.”

  • Andrea: “Mi ha colpito che delle persone “normali” abbiano trovato il coraggio, senza temere le conseguenze delle loro azioni, di opporsi a delle ingiustizie.”

  • Angelica: “Il Giardino è un luogo che ti fa riflettere, ti fa mettere in discussione.”

  • Emma: “Ricordo particolarmente la storia di Hamadi ben Abdesslem, guida del Museo del Bardo a Tunisi, che, nell’attentato del 2015, piuttosto che salvarsi, ha pensato a mettere in salvo dei turisti italiani. Quando Hamadi è venuto a Milano per la cerimonia, una persona salvata da lui è venuta a ringraziarlo.”

  • Marta: “Mi è piaciuto scoprire il Giardino dei Giusti, perché, visitandolo, si sente vivo il concetto di umanitá che, a volte, ho l’impressione stia venendo meno.”

  • Noemi: “Il Giardino dei Giusti è una testimonianza per noi giovani, ma anche per gli adulti, che ci sono state e ci sono persone che si oppongono alle ingiustizie ed alla violenza, non si fanno condizionare dal pensiero dominante e con un gesto salvano delle vite”

  • Pierfrancesco: ”La storia che non conoscevo e che mi ha colpito è stata quella di Gino Bartali, campione del ciclismo, che nascose nella sua bicicletta i documenti falsi necessari per aiutare gli ebrei ad avere una nuova identitá.”

 

 

Se volete approfondire trovate al link: https://it.gariwo.net/giardini/giardino-di-milano/ le notizie sul Giardino dei Giusti di tutto il mondo, che è sempre aperto e per cui è disponibile una audioguida su app, ora è possibile visitare dal vostro computer anche il “Giardino Virtuale”.

 

 

Di seguito alcune foto della giornata: L’albero delle Virtù, i cippi dei Giusti di Milano (G.Barbareschi, G.Sala, F. Wittgens) del 2013, la targa dedicata ad Hamadi ben Abdesslem:

 

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.